NGINX e Home Assistant: aumentiamo la sicurezza della nostra domotica

HassioHelp

NGINX e Home Assistant: aumentiamo la sicurezza della nostra domotica

Argomento: Nginx
Livello: Esperto (Novizio,Esperto, Pro)
Difficoltà: Media (Bassa, Media, Alta)

Introduzione

Scopo di questo articolo è cercare di dare una soluzione per esporre su Internet  in maniera “centralizzata” i servizi di domotica, ma non solo, presenti nella nostra LAN domestica: per fare questo sarà messo in piedi un servizio di reverse proxy.

Cosa è un reverse proxy?

Intanto partiamo dal concetto e definizione di server proxy: un server proxy è un servizio che ha il compito di ricevere richieste di contenuto da uno o più client della propria rete e di inoltrarle a molteplici server che si trovano per esempio su Internet.

Un reverse proxy o proxy inverso, come dice il nome, effettua il lavoro opposto del proxy: accetta una richiesta da client come un browser su PC o uno smartphone collegati per esempio alla rete Internet e la inoltra ad uno o più server nella propria rete aziendale o domestica, ricevuta la risposta da questo server la consegna al client originale. Il reverse proxy effettua tutte le operazioni necessarie per garantire il flusso regolare del traffico di rete tra client e server.

Questo articolo riguarderà NGINX uno dei più diffusi ed utilizzati reverse proxy, che è disponibile come addon per Home Assistant, in realtà di addon ne esistono due: uno “ufficiale” e uno della community; quello della community ha una interfaccia grafica di configurazione cosa che manca nell’addon ufficiale. Esistono altri soluzioni di reverse proxy come Caddy disponibili per HA come addon di terze parti, la cui configurazione si basa su concetti simili a quelli che saranno esposti nell’articolo.

Benefici delle soluzioni reverse proxy

L’utilizzo di un reverse proxy come NGINX ha alcuni vantaggi che riporto di seguito: si tratta di benefici generali che non si adattano a tutti i casi d’uso o configurazioni, in particolare  nel caso di Home Assistant il beneficio principale è quello del miglioramento della sicurezza.

  • Bilanciamento del carico (load balancing): un proxy inverso può eseguire il bilanciamento del carico che consente di distribuire le richieste dei client in modo uniforme tra N server di back-end. Questo processo aiuta notevolmente a evitare lo scenario in cui un determinato server viene sovraccaricato a causa di un picco improvviso nelle richieste, inoltre migliora anche la ridondanza poiché se un server si arresta, il proxy inverso reindirizzerà semplicemente le richieste a un altro server.
  • Miglioramento della sicurezza: un proxy inverso funge anche da linea di difesa per i server back-end (nel caso specifico HA), infatti il reverse proxy garantisce che l’identità dei server di back-end rimanga sconosciuta.Questo ad esempio è di aiuto nella protezione dei server da attacchi DoS. Altro caso d’uso relativo ad Home Assistant è la possibilità di aprire unicamente la porta HTTPS/443 sul proprio firewall, e gestire diversi servizi attraverso opportuni nomi DNS (Domain Name System). Inoltre come vedremo nelle configurazioni di dettaglio sarà possibile personalizzare alcuni parametri come le versioni dei protocolli SSL/TLS e le cosidette cipher suite, cioè gli algoritmi per lo scambio delle chiavi crittografiche, di crittografia e di message authentication,
  • Miglioramento delle prestazioni: Nginx per esempio ha prestazioni eccellenti nel fornire contenuto statico pertanto, se gestisce tutte le richieste di questo tipo ed invia la richiesta di contenuti dinamici ad un web server è possibile migliorare le prestazioni ottimizzando la consegna degli contenuti in base alla loro tipologia. Inoltre, i proxy inversi possono anche essere utilizzati per consegnare il contenuto memorizzato nella cache ed eseguire la crittografia SSL (SSL offloading) per alleggerire il lavoro del server Web.
  • Logging e controllo (auditing) facilitati: poiché esiste un solo punto di accesso, ciò rende le funzioni di logging e auditing molto più semplici. Utilizzando questo metodo, è possibile monitorare facilmente ciò che entra ed esce attraverso il proxy inverso.

Configurazione NGINX

Come consueto Home Assistant (una volta conosciuto come Hass.io) ci dà una bella mano nell’installazione visto che esistono ben due addon NGINX uno da configurare in maniera manuale attraverso un file di configurazione e l’altro tramite interfaccia grafica. Per chi invece utilizza Home Assistant Core e  volesse installare NGINX consiglio di seguire una delle tante guide presenti su Internet e tornare poi qui per prendere spunto per la configurazione dei servizi di reverse proxy.

Configurazione addon ufficiale

La configurazione base dell’addon è piuttosto semplice, l’esempio seguente ha come prerequisiti alcuni passaggi importanti che vanno eseguiti prima di passare alla configuraizone dell’addon vero e proprio:

  1. configurazione di un dominio di terzo livello su Duckdns.org, nell’esempio miosito.duckdns.org, è possibile anche utilizzare un proprio dominio per esempio www.miodominio.com.
  2. se utilizzate l’addon DuckDNS nella cartella /ssl, avrete già i certificati per HTTPS, se non utilizzate DuckDNS avete bisogno di creare questi certificati in qualche modo se vorrete utilizzare HTTPS
  3. nel file configuration.yaml, eliminate dalla sezione http: le seguenti opzioni: ssl_certificate, ssl_key, server_port come base_url inserite il vostro sito (ad esempio https://miosito.duckdns.org)

Nel blocco di codice sottostante è riportata la configurazione dell’addon dove le voci certfile e keyfile si riferiscono ai certificati per l’HTTPS e domain al proprio dominio DuckDNS o altro nome DNS, la sezione customize con la voce active: true è da usare per le configurazioni avanzate.

La configurazione proposta effettua la crittografia del traffico tra il client e il reverse proxy, mentre tra reverse proxy e HA il traffico è in chiaro. La figura seguente dà una vista di insieme delle varie componenti con il flusso del traffico che passa dal reverse proxy e viene dirottato ad un altro server, per esempio una NAS, dove risiede il servizio richiesto.

Configurazioni avanzate addon ufficiale

Con la precedente configurazioni dell’addon il vostro accesso da remoto ad Home Assistant passa ora da NGINX, quello che però è possibile fare con un reverse proxy non si limita solo a questo, ma è possibile rendere disponibile all’esterno con una connessione sicura HTTPS qualsiasi servizio web abbiate nella vostra rete domestica.

Per rendere fruibile questa possibilità esistono due configurazioni che possono essere messe in campo:

  1. utilizzo di virtual host
  2. URL Rewrite

Virtual Host
“Virtual host” è un termine che è proprio del web server Apache, tuttavia, viene comunemente utilizzato anche dagli utenti di Nginx anche se il termine corretto sarebbe “server block”. Comunque il significato è il medesimo e si riferisce alla caratteristica di poter ospitare più siti web su un singolo server.  Questa funzionalità è molto comodo perché possiamo richiamare dall’esterno cioè da un client su Internet attraverso differenti nomi DNS un servizio web che gira sullo stesso server/raspberry in cui gira NGINX o in un altro server della propria rete domestica.

Vediamo un esempio di configurazione da inserire in un file con estensione .conf nella cartella /share/nginx_proxy:

  • server_name: è il nome DNS che vogliamo richiamare, occorre naturalmente configurarlo su DuckDNS
  • ssl_certificate e ssl_certificate_key: sono i certificati associati al nome DNS che vogliamo richiamare
  • ssl_protocols: riguarda quali versioni del prorocollo SSL/TLS può utilizzare NGINX in fase di negoziazione (“handshake”) con il client, si consiglia di lasciare solo TLS 1.2 e 1.3, visto che versioni precedenti sono considerate non sicure e dal marzo 2020 i principali browser web non le supporteranno più.
  • ssl_ciphers: riguarda gli algoritmi di cifratura che possono essere utilizzati nella fase di handshake del protocollo SSL/TLS, anche qui occorre prestare attenzione a cosa si usa perché nel corso del tempo alcuni algoritmi possono diventare obsoleti, per questa sezione ho seguito le indicazioni riportate da Mozilla.
  • sezione location: in questa sezione alla voce proxy_pass va specificato tramite indirizzo IP e porta TCP il server della rete domestica che vogliamo richiamare dall’esterno

Per gli altri parametri della configurazione vi rimando alla documentazione ufficiale di NGINX.

URI Rewrite
Con questa tecnica è possibile cambiare parte dell’URI  in una richiesta proveniente da un client, si usa per esempio per informare che una risorsa risiede in una posizione diversa. Nel nostro caso usremo la tecnica per associare diversi siti web disponibili sulla propria LAN domestica o semplicemente sul proprio server/Rasberry ad un unico nome DNS.

Il trucco consiste nel far corrispondere ad ogni URI un  web server diverso, per esempio potrei associare l’url miosito.duckdns.org ad Home Assistant e miosito.duckdns.org/plix ad un server chiamato “plix” che “gira” sulla porta 32000.

Vediamo la configurazione da inserire nel file /share/nginx_proxy_default.conf :

  • location: definisce il modo in cui le richieste vengono elaborate per diversi URI e risorse
  • proxy_pass: imposta il protocollo e l’indirizzo di un server proxy e un URI opzionale a cui deve essere mappata una location.
  • rewrite: impostando il “break”  il processo di riscrittura dell’URI si interrompe e la richiesta modificata non verrà elaborata da un’altra “location”

Configurazione addon della community

Come detto precedentemente l’add-on della community si avvale di un interfaccia grafica e ci evita di dover andare a scrivere a mano i nostri file. Una volta installato l’addon basterà avviarlo e premere open web ui, loggarsi usando user: admin@example.com , pwd: changeme per vedere caricata la nostra interfaccia grafica, ricordatevi di cambiare user e password.

 

Premete sul tasto “Proxy Hosts” e poi in alto a destra su “add Proxy Host” e vi ritroverete davanti la seguente schermata:

New Proxy Host

 

  • Domain Names: Inserite qui il vostro dominio, ad esempio pippo.duckdns.org
  • Forward Hostname/Ip: Inserite qui l’indirizzo IP della macchina che volete raggiungere, ad esempio 192.168.1.21
  • Forward Port: Inserite qui la porta del servizio, ad esempio se stiamo configurando Home Assistant la 8123
  • Attivate Websockets Support e recatevi nella scheda custom location se volete raggiungere qualche altro servizio installato sulla stessa macchina, altrimenti saltate pure il punto seguente.

Custom Location

 

Supponiamo di voler raggiungere “plix” all’indirizzo “pippo.duckdns.org/plix“:

  • Location: Inseriamo il percorso, nel nostro esempio /plix/
  • premiamo il tasto ingranaggio e nel riquadro che si apre inseriamo rewrite /plix/(.*) /$1 break;
  • Forward Hostname/Ip: Inserite qui l’indirizzo ip della macchina che volete raggiungere, ad esempio 192.168.1.21
  • Forward Port: Inserite qui la porta del servizio, ad esempio  9091
  • rechiamoci nella schermata ssl

SSL

  • SSL Certificate: Cliccate su “None” e selezionate “request a new ssl certificate”, una volta selezionata la voce vedrete apparire sotto il campo mail, inserite la vostra vera mail, verrà utilizzata per rinnovare il certificato. A tal proposito se utilizzate l’addon DuckDns impostate nella configurazione dell’addon il parametro “accept_terms:” su false” , da questo momento sarà nginx a rinnovare il vostro certificato, ricordatevi di aprire la porta “80” del router in prossimità della scadenza dello stesso.
  • abilitate Force SSL

Se tutto è andato per il verso giusto adesso dovreste raggiungere i vostri servizi agli indirizzi che avete impostato.

Conclusioni

L’articolo ha presentato una configurazione per centralizzare tutti gli accessi dall’esterno verso un unico punto di accesso alla nostra LAN di casa, con i vantaggi sopra descritti ma questo non vuol dire che implementando questa guida non dobbiamo più preoccuparci degli aspetti di sicurezza: occorre sempre stare attenti alle configurazioni e valutare bene quali dati e servizi vogliamo esporre su Internet.

 

7 risposte

  1. Avatar Gregorio ha detto:

    Salve, scusate qual’è la differenza tra usare un proxy server ed una vpn?? Grazie

    • Avatar TIZIANO ha detto:

      La vpn ti permette di accedere ad un determinata rete in modo sicuro detto tunnel privato virtuale, senza l’esigenza di avere dei server pubblici esposti al web.

  2. Avatar TIZIANO ha detto:

    Ciao si potrebbe installare nginx su un server ubuntu e far puntare l’addon a quel server?
    Se fosse possibile come?

    • Avatar Giampi ha detto:

      non mi è chiaro cosa vuoi fare visto che l’addon è NGINX. Se la domanda è: “è possibile usare l’addon NGINX per redirigere il traffico ad un altro server nella LAN?” la risposta è si utilizzando le configurazioni spiegate nel’articolo

  3. Avatar roberto ha detto:

    Come mai nonostante io specifichi “ssl_protocols TLSv1.2 TLSv1.3;” mi abilita anche la v1.0 e 1.1?
    E’ come se non mi leggesse la configurazione personalizzata.
    Cosa devo mettere all’interno del file default?
    Io vorrei solo accedere al mio hassio senza duckdns, ma con il mio dominio e specificando un po di parametri ssl.

  4. Avatar Davide ha detto:

    E’ possibile utilizzare un sito TOR, per esempio xxxxxxxxxxx.onion invece di duckdns?

  5. Avatar mauro ha detto:

    Ciao,
    ho istallato l’addon della community ma ora non ho più comunicazione nell’integrazione tra google assistant e HA. come dovrei configurare l’addon per evitare l’errore di Connessione sicura non riuscita?
    ciao e grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *