Creazione Sensore pioggia, temperatura e umidità per Home Assistant

HassioHelp

Creazione Sensore pioggia, temperatura e umidità per Home Assistant

Eccci qua per un nuovo articolo! Iniziamo a divertirci creando sensori per il nostro Home Assistant. Oltretutto a basso costo! Oggi ci concentriamo su un modulo NodeMcu V3 dove collegheremo un sensore pioggia e uno di temperatura e umidità.

Premessa

La maggior parte dei progetti per l’IoT si basano su un chip wifi a basso costo chiamato ESP8266.

Questo chip é integrato in più moduli, ogniuno con caratteristiche hardware diverse.

Noi ci concentreremo su 2 moduli:

  • NodeMcu V3: Nato per IoT. Molto completo ma più ingombrante.
  • WeMos D1 Mini: Il giusto mix fra compattezza e caratteristiche, lo rendono il più utilizzato per questi progetti.
Dopodiché, su questi moduli, bisognerà per forza di cose installare un firmware. Abbiamo una vasta scelta compatibili con Home Assistant che comunicano in mqtt: SmartHome, Tasmota, ESPHome, etc

Cosa Acquistare

Ecco i link amazon per il necessario da acquistare:

Se invece non avete fretta, potete risparmiare acquistando direttamente da Aliexpress o simili.

Vi ricordo che abbiamo bisogno di corrente e il sensore dovrà chiaramente andare dove piove. Per questo la cassetta di derivazione. Nel mio caso ne ho una, proprio in zona non protetta, che utilizzo per il collegamento della mia telecamera esterna.

Introduzione

Il NodeMcu V3 o WeMos D1 sono alimentati tramite USB come un comune cellulare.

Ogni sensore dovrà essere collegato al gnd e 3v per essere alimentato. Fortunatamente il NodeMcu V3 ha più gnd e 3v perciò non dobbiamo mettere mano al saldatore. Ci bastano i Cavetti Arduino.

Chiaramente dovremo collegare i sensori anche ai pin digitali o analogici.

I pin digitali (contrassegnati con la lettera “d”) possono leggere solo 2 valori (alto o basso) . Invece il pin analogico (é presente solo un analogico “A0”) può leggere le tensioni (un numero variabile).

Cablaggio

Andiamo ora a cablare NodeMcu V3 con i sensori.

Come potete notare, il sensore pioggia é collegato sia al digitale che all’analogico. Possiamo così scegliere, in base alle necessità, quale utilizzare.

Il modulo che possiede il sensore pioggià é provvisto di potenziometro (regolabile con cacciavite) per regolarne lo scatto del digitale. In parole semplici possiamo regolare con quale quantitativo di acqua avere l’accessione e spegnimento ( che su Home Assistant vedremo come binary “Acceso” o “Spento”). 

Mentre con il valore Analogico, su Home Assistant possiamo vedere “quanto” il modulo é bagnato con un valore numerico che va da 0 a 1024. Dove 0 é totalmente bagnato e 1024 asciutto.

Installazione Firmware

Per la parte Firmware installiamo SmartHome (vedi guida)

Nell’interfaccia di configurazione, configuriamo 2 sensori (digitale+analogico per sensore pioggia) e 1 termostato per DHT22. 

Se avete configurato tutto correttamente troverete i sensori collegati ad Home Assistant in: Impostazioni —> Integrazioni —> Mqtt

Test

A questo punto ci ritroviamo questo sul banco da lavoro pronti per il test!

Non ci resta che tenere il modulo in pendenza, per far defluire l’acqua che verseremo a gocce, per notare il valore 1024 del sensore analogico su HA che scende.

Se vogliamo utilizzare il sensore digitale, dobbiamo regolare il potenziometro con un cacciavite (modulo blu che sta fra nodemcu e sensore pioggia) a nostro piacimento. Io ad esempio non sono riuscito a regolarlo oltre a 750. Ciò significa che se il livello analogico scende sotto a 750 il digitale scatta come “acceso” (bagnato). Sopra a 750 scatta come “spento” (asciutto).

 

Lavoro finito

Nel mio caso, come vi avevo detto, avevo già una 503 sotto le intemperie, per il collegamento elettrico della Cam esterna. 

Ho inserito tutto al suo interno e ho fatto uscire i due sensori. Il DHT22 viene sorretto dai suoi stessi pin. Il sensore pioggia invece l’ho incollato con colla a caldo in buona pendenza per far defluire l’acqua il più possibile.

Automazione

Nel mio caso, per l’automazione (Per chi mi conosce sarà per forza di cose realizzata con Node-Red) utilizzerò il sensore analogico. In modo da poter capire anche il “livello di bagnato”. Questo livello mi servirà per visualizzare in HA un nuovo sensore (Creato da Node-Red) che indicherà se: Non piove – pioviggina – piove.

Automazione presto disponibile! Segui le mie guide Node-Red

Ti ricordo che:

Importare automazioni Node-Red senza capirne il flusso d’automazione non é utile a nessuno. Node-Red ha un metodo tutto suo.

Consiglio di  iniziare dal Corso 1 Node-Red in italianoecco il link al MODULO per richiederlo. E’ gratuito.

Per qualsiasi domanda non esitate a contattarmi.
Telegram Manuel Del Gada

Iscrivetevi ai canali “Node-Red italia” : Gruppo Facebook – Canale Youtube – Gruppo Telegram 

Conclusioni

Il modulo del sensore pioggia con il tempo tenderà ad arrugginire perdendo sensibilità. E’ un classico di questi sensori. Ma visto il prezzo che troviamo su Aliexpress possiamo cambiarli anche una volta all’anno.

Oppure possiamo optare per qualche sensore più performante. Ad esempio questo modulo che si asciuga dopo la pioggia con un riscaldatore interno, per farlo degradare il meno possibile e segnalare lo stato asciutto il prima possibile.

Sta di fatto che il lavoro é completo. In futuro basterà scollegare il vecchio modulo e collegare il nuovo senza mettere mano alla scatola.

Buon divertimento! 🙂

 

3 risposte

  1. Avatar Vanna ha detto:

    Anche io ho realizzato questo sensore ma ho difficoltà sulla possibilità di rendere il tutto resistente all’acqua. Puoi mandare più foto dell’assemblaggio? Come proteggi i cavetti del DHT 22 e del sensore pioggia? Grazie!

    • Avatar Manuel Del Gada ha detto:

      Ciao, come vedi nella foto a lavoro finito, il DHT22 sporge leggermente fuori dal tappo della cassetta di derivazione. Si trova sotto, perciò é protetto. I cavetti del sensore pioggia rimangono sempre sotto e protetti. Comunque nei cavetti arduino, che si inseriscono ai sensori, ho messo delle termorestringenti per renderli più stagni. E’ stata una mia idea. Secondo me si può anche evitare perché ho notato che bagnando i pin non succede nulla. Chiaro… non parlo di immersioni, ma solo di qualche spruzzo che potrebbe arrivare in caso di forte pioggia. Il DHT22 segna correttamente quando piove.

  2. Avatar Francesco ha detto:

    ciao, bel lavoro, complimenti. io vorrei sapere se è possibile avere un esempio con un bme280, in verità ho una cosa fai da te con un wemos d1 mini e un bme280, codice con arduino e visione dei dati su smartphone con widget thingspeak. c’è un modo per vedere i dati anche su homeassistant, premetto che ho una connessione linkem, quindi ho problemi di rete nat, per questo vorrei lasciare thingspeak e integrare anche hassio. secondo te esiste un modo? altrimenti dovrei avere due dispositivi uguali uno con hassio e uno con thingspeak.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *