BTicino Smarther X8000 in Home Assistant (Updated 08/05/2020)

HassioHelp

BTicino Smarther X8000 in Home Assistant (Updated 08/05/2020)

Amici di HassioHelp, oggi vediamo insieme come integrare il termostato BTicino Smarther X8000 in Home Assistant. Ringraziando profondamente il nostro utente Andrea Mattioli per il suo tanto atteso add-on e per aver fornito la documentazione necessaria.

AGGIORNAMENTO 08/05/2020 IN FONDO DELL’ARTICOLO:

Api di legrand

  1. Andiamo a settare sull’app thermostat l’accesso terze parti, che troviamo una volta entrati sulle impostazioni dell’account.
  2. Creare account developer https://developer.legrand.com/login/
  3. Sottoscrivere le API seguendo questo tutorial https://developer.legrand.com/tutorials/getting-started/
  4. Salviamo tutte le key che ricaveremo su un file di testo nel desktop!!!

Nuova App Legrand

  1. Andiamo su https://partners-mysettings.developer.legrand.com/Application/Index e creiamo una nuova applicazione.
  2. Compiliamo solamente i punti qui sotto descritti come segue con i propri dati, esempio:
  • Name = Home Assistant
  • Description = Controllo Smarther Hassio
  • Vendor = home_use
  • Url =  https://myhome.duckdns.org:5588
  • First Reply Url = https://myhome.duckdns.org:5588/callback
  • Type of the application = Web application

3. Su scope selezioniamo:

  • “Get comfort data (temperature, hygrometry, …) (comfort.read)”
  • “Change comfort parameters (temperature setpoint, …) (comfort.write)”.

Una volta che chiedi di registrare la tua applicazione, riceverai un’email che contiene informazioni utili per la tua applicazione. Salvale nel file di testo come client_id e client_secret. Generalmente ci vorrà qualche giorno per ricevere l’email, non è immediato.

 

Configurazione Add-on

Dalla repo https://github.com/andrea-mattioli/mattiols_hassio_repository scarichiamo l’add-on necessario mettendolo su custom repositories. Lo configuriamo come segue con i propri dati ricavati nei passaggi precedenti:

N.B = Se state usando Nginx o un altro sistema che non espone certificati ssl https in locale ricordatevi di impostare use_ssl: false .

 

Configurazione Router

Abbiamo la necessità di aprire la porta 5588 sul nostro router verso l’ip locale del nostro Home Assistant. In base al sistema di certificazione ssl che usate, varia la configurazione del forwarding delle porte sul router, perciò vediamo insieme come configurare correttamente:

  1. Per  i  fedeli  del  servizio  DuckDNS  bisogna  aprire  la  porta  5588 esterna —> 5588 interna .
  2. Chi usa Nginx Proxy Manager la configurazione della porta è 5588 esterna —> 443 interna .

N.B Sulle configurazioni UI di Nginx Proxy Manager bisognerà impostare su custom locations le seguenti configurazioni:

 

Per approfondire riguarda l’installazione di Nginx, vi ricordo l’articolo dedicato Nginx e Home Assistant .

 

Avvio Add-on

Fatto ciò, siamo pronti per avviare l’add-on. Dopodiché andiamo a concedere l’autorizzazione a Legrand per la comunicazione dei dati:

Inserite il vostro indirizzo ipHA:port https://192.168.1.108:5588, (per Nginx ricordate di mettere http://192.168xxxxxx) e clicchiamo su GET YOUR CODE, facciamo il login sul sito di legrand e accettiamo la richiesta di seguito, se tutto andrà bene riceveremo come risposta la seguente schermata:

Prendiamo nota del TOPIC evidenziato che ci servirà dopo per creare i sensori.

 

Configurazione Home Assistant

Ora passiamo all’integrazione dei sensori sul nostro Home Assistant. Rechiamoci nei relativi file di configurazione yaml o sensors.yaml (o addirittura potete creare un package seguendo le istruzioni su questo articolo Packages in Home Assistant) e inseriamo le configurazioni che creeranno i nostri sensori:

 

Ricordatevi di sostituire i dati sensibili e il topic con quello salvato poco prima. Questa configurazione richiede il riavvio di Home Assistant.

N.B Stiamo lavorando sul codice che ci consentirà di controllare lo smarther da Home Assistant, a breve l’aggiornamento)

( Supporta questo progetto pagandogli una birretta all’autore con una donazione PayPal o su Github cliccando  qui sotto )

Inoltre ritengo doveroso ringraziare i ragazzi del gruppo Telegram:   Daniele  Ezio  Mario Luca che in qualche modo hanno dato il loro contributo e aiutato con lintegrazione dello smarther.

AGGIORNAMENTO 08/05/2020

Come promesso, ecco a voi il super package creato dal utente EZIO che ci permettera’ di avere il pieno controllo del nostro termostato Smarther X8000, scaricalo dal nostro forum. —-> DOWNLOAD <—-

Per qualsiasi domanda o dubbio, vi ricordiamo le nostri fonti di supporto   Telegram   Facebook  Forum  .

Sostienici, dona un caffè al nostro sito

 

 

4 risposte

  1. Avatar Gabriele ha detto:

    Ottimo! Appena riesco lo provo! Un paio di domande, ci sono problemi se si devono integrare più smarther? Immagino ci sia sempre il limite delle 500 chiamate al giorno.
    Sarebbe inoltre interessante capire se con lo stesso approccio si riescono ad integrare anche i componenti BTicino living now. Sarebbe la svolta!

    • Avatar Andrea ha detto:

      C’è sempre il limite delle 500 call, per gli altri smarter nessun problema, vede tutti quelli associati alla sua mail di registrazione!

  2. Avatar patrick ha detto:

    sabato scorso funzionava alla prefezione sulla 108.qualcosa. ho dovuto cambiare sd, ripristinato snapshot e aggiornato, ora dopo alcuni secondi si stoppa add-on e non apre nemmeno lo stato da ip:5588. ho reinstallato, fatto rebuild etc, ma nulla…
    qualcuno ha idea di come risolvere?

  3. Avatar gianluca ha detto:

    buonasera, non riesco a capire perché l’addon non si avvia di seguito vi invio il log:
    [s6-init] making user provided files available at /var/run/s6/etc…exited 0.
    [s6-init] ensuring user provided files have correct perms…exited 0.
    [fix-attrs.d] applying ownership & permissions fixes…
    [fix-attrs.d] done.
    [cont-init.d] executing container initialization scripts…
    [cont-init.d] done.
    [services.d] starting services
    [services.d] done.
    2020/10/02 20:13:37 [notice] 269#269: using the “epoll” event method
    2020/10/02 20:13:37 [notice] 269#269: nginx/1.18.0
    2020/10/02 20:13:37 [notice] 269#269: OS: Linux 4.19.127-v7
    2020/10/02 20:13:37 [notice] 269#269: getrlimit(RLIMIT_NOFILE): 1048576:1048576
    2020/10/02 20:13:37 [notice] 269#269: start worker processes
    2020/10/02 20:13:37 [notice] 269#269: start worker process 271
    [20:13:37] INFO: no certificate found try to generate it…
    Saving debug log to /var/log/letsencrypt/letsencrypt.log
    Plugins selected: Authenticator nginx, Installer nginx
    Obtaining a new certificate
    An unexpected error occurred:
    The server will not issue certificates for the identifier :: Error creating new order :: Cannot issue for “https”: Domain name needs at least one dot
    Please see the logfiles in /var/log/letsencrypt for more details.
    [cmd] /hassio_bticino_smarter/run.sh exited 1
    [cont-finish.d] executing container finish scripts…
    [cont-finish.d] done.
    [s6-finish] waiting for services.
    [s6-finish] sending all processes the TERM signal.
    2020/10/02 20:13:46 [notice] 271#271: signal 15 (SIGTERM) received from 314, exiting
    2020/10/02 20:13:46 [notice] 271#271: signal 1 (SIGHUP) received from 314, ignoring
    2020/10/02 20:13:46 [notice] 269#269: signal 15 (SIGTERM) received from 314, exiting
    2020/10/02 20:13:46 [notice] 269#269: signal 1 (SIGHUP) received from 314, reconfiguring
    2020/10/02 20:13:46 [info] 271#271: epoll_wait() failed (4: Interrupted system call)
    2020/10/02 20:13:46 [notice] 271#271: exiting

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *