Guida Broadlink Parte 1: Integrazione (aggiornato 25/04/2019)

HassioHelp

Guida Broadlink Parte 1: Integrazione (aggiornato 25/04/2019)

In questa guida andremo a vedere come utilizzare gli apparati Broadlink all’interno di Hassio tramite il suo supporto nativo, mentre nella seconda parte studieremo custom component che ci permetterà di creare climate, mediaplayer e fan.

Un particolare ringraziamento a  Mauro Cimino che ha realizzato questa guida per noi.

Per prima cosa assicuratevi di avere il vostro dispositivo Broadlink collegato alla vostra rete, configurandolo tramite la sua app originale Intelligent Home Center (IHC) versione Android, versione iOS.
Dopo di che entrando nel vostro router/modem impostate un IP statico al vostro dispositivo e annotatevi l’indirizzo IP e il suo MAC-address:


adesso aggiungete il seguente codice nel file configuration.yaml sotto la voce switch: oppure dentro il file switch.yaml in base alla vostra configurazione:

Non dimenticate di sostituire il mac: con quello che avete ottenuto dal vostro router.
Facciamo sempre una verifica della configurazione e riavviamo Hassio.

Adesso siamo in grado di acquisire i codici dai nostri telecomandi ad infrarossi, dalla pagina principale di hassio apriamo il menù laterale e selezioniamo il menù servizi:

Nel menù servizio selezionate la voce switch.broadlink_learn_command_192_168_188_28 (ovviamente troverete il vostro indirizzo IP e non quello dell’esempio), poi cliccate su “call service” vedrete che la luce sul Broadlink si accenderà in attesa di ricevere il codice da acquisire, puntate il telecomando verso il dispositivo e premete il tasto da clonare.

Per vedere il codice acquisito, cliccate sul menù stati <> l’icona si trova a fianco del menù servizi precedentemente utilizzato, scorrete la pagina fino a visualizzare la voce persistent_notification.notification:

 

Supponiamo che i codici appena acquisiti servano per far accendere e spegnere una lampada, quindi rechiamoci nel file configuration.yaml sotto la voce switch oppure light (a voi la scelta) o nel relativo file switch.yaml o light.yaml in base alla vostra configurazione ed aggiungiamo il seguente codice:

In questo caso dopo il riavvio di Home Assistant comparirà uno switch (non con Lovelace bisognerà “crearlo”) con il nome “Lampada Prova” che se andremo ad azionare impartirà al Broadlink un comando di on o off sempre in base alla posizione dello switch.

Se invece volessimo realizzare un comando singolo che non preveda un on/off possiamo utilizzare gli script:, rechiamoci nel configuration.yaml sotto la voce script: o direttamente nel file script.yaml in base alla vostra configurazione:

Nell’esempio lo script.sequence azionerà il Broadlink che a sua volta emetterà quel codice.

Se nello script volessimo inserire più comandi sequenziali, come ad esempio per aumentare il volume, possiamo fare in questo modo:

Come potere vedere in questo script è stato assegnato anche un alias, perché se volessimo potremmo esporlo a Google Assistant per poter in questo modo abbassare il volume con comandi vocali dicendo “attiva abbassa volume panasonic tv”. In aggiunta sarà possibile creare una routine che si appoggia a questo script.

Per la configurazione di Google Assitant vi rimando alle guide Google Home in Home Assistant.

 

6 risposte

  1. Avatar nicola ha detto:

    Ciao a tutti, dopo una buona dose di lurking e di richieste, forse posso contribuire con qualcosa di utile 🙂
    ho trovato questo link per registrare i segnali IR, è ESTREMAMENTE più comodo rispetto al metodo che passa da HA.

    https://community.home-assistant.io/t/broadlink-manager-nicer-way-to-learn-and-send-ir-rf-commands/58770

    spero utile

  2. Avatar Massimo ha detto:

    Ciao, provo a fare una domanda molto probabilmente sciocca… Ho un broadlink RMmini3, non posso accoppiare il telecomando del mio TV Sharp che è un telecomando radio, vero? Immagino di non aver soluzioni.
    Grazie mille.

  3. […] acquisire i codici tramite questa web app od utilizzando il metodo descritto nella nostra guida e creare da noi il nostro file json che dovrà avere la seguente […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *