Controllo Carichi(package): Mai più senza luce!!!! Aggiornato 09/06/2019

HassioHelp

Controllo Carichi(package): Mai più senza luce!!!! Aggiornato 09/06/2019

Aggiornamento 09/06/2019

Nuova versione del package controllo carichi, Le funzioni rimangono le stesse, ho solo aggiunto la possibilità di poter scrivere nei campi sia il “friendly_name” che “entity_id”

Changelog:

V 0.9
– risolto problema notifiche
– ottimizzazione del codice
– aggiunto sensore data e ora ultimo intervento
– aggiunto sensore potenza istantanea
– adesso nei campi si può scrivere indistintamente il friendly name o l’entity_id

Scarica Controllo Carichi V0.9

 

Premessa

In questo articolo andremo a vedere come installare e configurare il Package del controllo carichi in modo da evitare che il nostro contatore stacchi per sovraccarico. Prima di parlare del package vero e proprio però, andiamo a vedere in breve cosa è un controllo carichi.

Il controllo carichi permette di spegnere dei carichi con la priorità da noi impostata al fine di evitare che il contatore stacchi per sovraccarico, al momento della configurazione tenete presente che i valori di sovraccarico dei moderni contatori sono riassumibili nella seguente tabella:

Potenza contrattuale potenza prelevabile potenza prelevabile per 180min potenza prelevabile per 3 minuti
3kW 3.300W 3.999W > 4.000W
4,5kW 4.500W 5.985W > 6.000W
6kW 6.600W 7.980W > 8.000W
10kW 11.000W 13.300W > 13.400W

Come potete vedere il vostro contatore non interviene istantaneamente una volta superata la potenza prelevabile, ma c’è da tenere presente che superato questo valore si paga un extra (in bolletta potete trovare i dettagli per quantificare il costo extra). Va da se che  al momento della configurazione dovrete scegliere se far intervenire il controllo carichi nel momento in cui superate la potenza prelevabile o se sfruttare la potenza prelevabile per 180 minuti pagando qualcosa in più. In ogni caso il controllo carichi, superata la potenza prelevabile per 3 minuti, deve intervenire, altrimenti avrà fallito nel suo compito.

Vorrei inoltre soffermarmi sull’importanza di selezionare le priorità corrette per i carichi da gestire . Ad esempio, secondo la mia esperienza ed usando un po’ di logica, il forno deve essere l’ultimo carico che va spento in quanto rischiamo di rovinare la cottura del cibo e di conseguenza di rimanere digiuni!!! Non so per voi ma per me mangiare è una priorità, preferisco di gran lunga rimanere con i capelli bagnati. Bisogna anche tenere presente che far spegnere una lampadina non ha alcun senso, visto che è un carico dal consumo irrisorio, per cui non aspettatevi che mettendo i lampadari nel controllo controllo carichi la luce non si stacchi.

Requisiti per il funzionamento del package

Per il corretto funzionamento del package dovete rispettare i seguenti requisti:

  • Hassio o Home assistant
  • Broker MQTT configurato e funzionante
  • Package configurati , eventualmente potere seguire la nostra Guida
  • sensor.time configurato e funzionante
  • Un sensore che legga la potenza istantanea prelevata dal contatore tipo il pzem

Installazione

  • Scaricate il file controllo carichi.rar, aprendo il file rar scaricato precedentemente troverete una cartella controllo carichi_v_0_7 ed un file lovelace.yaml
  • Copiate la cartella “controllo carichi_v_0_7” dentro la vostra cartella package
  • Aprite il file lovelace.yaml e copiate il codice all’interno del vostro file ui-lovelace.yaml sotto la scheda che ritenete più opportuna, oppure createne una nuova.
  • Convalidate la configurazione e riavviate

Configurazione ed Utilizzo

Una volta installato il package dobbiamo procedere alla sua configurazione. La grande novità, escludendo Lovelace, sta nel fatto che questa volta per configurare non dovrete mettere mano al codice. Rechiamoci nel tab Lovelace dove avete inserito il frontend del controllo carichi e , se tutto è andato bene, dovreste trovarvi davanti questa visuale:

In realtà sotto questo c’è un altro riquadro, ma lo analizzeremo in seguito (è solo un riepilogo), per adesso occupiamoci di questo:

  • Controllo carichi Off/On: Spegne e accende il package
  • Tempo in extra soglia: vi ricordate nella premessa? quando vi ho parlato della tariffa extra? Bene, questo sensore vi mostra per quanto tempo siete stato sopra il valore prelevabile, se fate un click sopra otterrete maggiori informazioni. Il sensore si resetta alla mezzanotte di ogni giorno, per cui se volete creare delle statistiche mensili potete utilizzare Grafana.
  • Ultimo Carico Spento:  mostra l’ultimo carico che è stato spento dal controllo carichi e quanto tempo fa lo ha spento.
  • Impostazioni: Attivando lo switch accederemo a tutte le configurazioni da effettuare, le analizzerò nel dettaglio nel prossimo paragrafo.
  • Notifiche Standard/Centro Notifiche: Con questo switch possiamo decidere se utilizzare il mini centro notifiche del package (vedremo più avanti come configurarlo) o se utilizzare il centro notifiche (ovviamente dovete averlo installato)realizzato dal nostro admin Caiosweet. Se utilizzate il centro notifiche non avrete bisogno di altre configurazioni per ricevere gli avvisi del controllo carichi.

Analizzata questa parte, attivatelo switch impostazioni e appariranno una serie di riquadri che adesso andremo ad analizzare.

Impostazioni

Il primo riquadro che ci troveremo davanti una volta aperte le impostazioni è il seguente:

  • Selettore kW Contatore: Qui andiamo ad inserire la potenza contrattuale del nostro contatore, in modo da settare le soglie di intervento del controllo carichi. Le opzioni previste sono 3kW, 4.5kw, 6Kw e 10kW
  • Tempo D’interventoRicordate quando abbiamo parlato del costo extra se superiamo il valore prelevabile? Perfetto, con questo parametro decidiamo per quanto tempo il controllo carichi ci permetterà di stare al di sopra di quel valore. Ovviamente più tempo ci stiamo maggiore sarà il costo extra da pagare. Valori consentiti da 0 minuti a 170 minuti. Vi ricordo che il tempo massimo che consente il vostro contatore prima di intervenire e di 180 minuti.
  • Sensore Lettura: In questo campo andiamo a scrivere il “friendly name” del sensore che legge i dati della potenza istantanea (non è necessario rispettare maiuscole e minuscole). Se  commettete  errori di battitura oppure se due sensori dovessero avere lo stesso “friendly” name il sistema vi segnalerà l’errore tramite una notifica persistente come la seguente:

Questo sistema di verifica errore si applica a tutti i campi che richiedono un inserimento manuale del testo!!!

  • Carico Priorità 1-2-3-4-5-6-7-8-9: Analogamente a come fatto per il sensore, qui andiamo ad inserire il “friendly name” del carico da controllare. Come in precedenza vi ricordo che il campo non è “case sensitive” e che accetta di tutto dalle luci, agli switch, ai climate etc etc. Compilate anche gli altri 8 carichi ( potete anche lasciare dei campi vuoti se non vi necessitano tutti). La logica di funzionamento è molto semplice: il controllo carichi inizierà a spegnere il carico 1 se acceso, altrimenti spegnerà il secondo e cosi via. Una volta che si è innescato effettuerà un controllo ogni minuto (fino a quando l’eccesso di consumo non è rientrato) e se necessario spegnerà un altro carico, sempre con la stesa logica del primo.
  • Accensione ultimo carico spento: Attiva o disattiva la funzione di accensione che è stato spento per ultimo
  • Soglia Accensione Carico(w): indica il valore sotto il quale deve essere sceso il consumo istantaneo per poter accendere l’ultimo carico spento
  • Escluso dalla riaccensione: Permette di escludere due carichi dalla riaccensione automatica. Come in precedenza nei due campi va scritto il “friendly name” ed in caso di errore viene segnalato con una notifica persistente.

Alla fine, se non utilizziamo il Centro notifiche citato in precedenza,  troviamo il mini centro notifiche.

  • Switch Servizio Notifiche: Attiva e disattiva le notifiche verso il cellulare
  • Campo Servizio Notifiche: Qui dovete inserire il nome del servizio notifiche che volete utilizzare. Ad esempio se il vostro servizio notifiche è notify.telegram scrivete soltanto telegram.
  • Switch Media player Google: Attiva e disattiva le notifiche  “tts google”
  • Campo Media Player Google: Qui dovete inserire il “friendly name” del vostro media player oppure il nome di un gruppo di media player
  • Switch Media player Alexa: attiva e disattiva le notifche “tts Alexa”
  • Campo Media Player Alexa: Qui dovete inserire il “friendly name” del vostro media player oppure il nome di un gruppo di media player

Vorrei ringraziare per la pazienza e la collaborazione i 3 tester del package: Fabio Casinove, Agostino e Davide. Per la collaborazione ed i consigli Caiosweet e  SDeSalve. Ed infine Enrico Nos317 per le idee ed i confronti da elettrotecnici:

Come al solito vi lascio il link del forum dove potete richiedere assistenza, segnalare bug e proporre nuove funzioni. Tra l’altro i futuri aggiornamenti verranno rilasciati solo nel thread del forum.

 

 

14 risposte

  1. Avatar Alessandro ha detto:

    Ciao a tutti,
    io non ho il file ui-lovelace.yaml,devo crearlo manualmente?L’ho fatto,infatti nelle entita’ vedo tutto quello che riguarda il package,anche se vado in entità non utilizzate.Pero non mi crea nessuna card in automatico..come faccio?

    • Mauro cimino Mauro cimino ha detto:

      Devi aggiungere il codice dentro il file Lovelace, che si trova nello zip, tramite la modalità raw. Trovi le guide su Lovelace sempre nel nostro sito

  2. Avatar alessandro ha detto:

    Nel package raccolta differenziata avevo 3 file yaml,2 per conditional e 1 picture-element ma nel file zip (carichi)non le trovo…grazie

    • Mauro Cimino Mauro Cimino ha detto:

      Il package controllo carichi non prevede immagini come la differenziata. All’interno del file controllo carichi.rar trovi il file lovelace.yaml all’interno del file trovi il codice pronto da copiare e incollare dentro la tua configurazione Lovelace, fai attenzione all’indentazione

  3. Avatar Alessandro ha detto:

    Mi sono perso 😂😂stasera provo.Grazie

  4. Avatar LUCA ha detto:

    Ciao, complimenti per la guida,
    ho seguito tutti i passaggi ma nella scheda controllo carichi nella prima riga mi compare un box giallo con scritto “Entità non disponibile: automation.innesco_controllo_carichi” le ho provate tutte ma non capisco. Grazie in anticipo per la risposta.

  5. Avatar Fabio ha detto:

    Ciao, il primo carico che mi deve staccare è un clima della daikin.
    Passa sempre al secondo carico. Idee? Grazie e complimenti

    • Mauro Cimino Mauro Cimino ha detto:

      Ciao Fabio, può essere che staccando il primo carico i consumi non sono ancora rientrati e lui stacca anche il secondo carico

  6. Mauro Cimino Mauro Cimino ha detto:

    Ciao Fabio, può essere che staccando il primo carico i consumi non sono ancora rientrati e lui stacca anche il secondo carico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *